Foto dalla città in cui nessuno nasce e nessuno muore

è la più al nord al mondo e si trova nelle isole Svalbard, in Norvegia

?C’è un posto in cui nessuno è nato e nessuno muore. Certo, puoi morire ovunque ma non puoi essere sepolto qui perché i corpi non si decompongono (a causa del permafrost, un terreno sempre ghiacciato, n.d.r.). Non puoi nascere qui perché le donne incinte devono tornare sulla terraferma per partorire. Non ci sono gatti, alberi, nessun semaforo. Non esiste un parco divertimenti, ma c’è un circo. In inverno è completamente buio, ma in estate il sole non tramonta mai?.

è così che la fotografa Dominika Gesicka descrive Longyearbyen, il centro amministrativo delle Isole Svalbard, nel mare Glaciale Artico, e la città più a nord del mondo (intesa come insediamento con più di mille abitanti). Longyearbyen si trova sull’isola di Spitsbergen, a 1.300 chilometri dal Polo Nord: ci vivono circa duemila persone ed è la città più popolosa dell’arcipelago. Ne ospita il principale aeroporto, cosa che ha favorito un recente aumento di turisti e la creazione di strutture per accoglierli. Sulla stessa isola c’è anche il più grande deposito di semi del mondo, lo Svalbard Global Seed Vault.
Gesicka ha fotografato Longyearbyen nel progetto This is not real life;?ha raccontato che nonostante sia difficile considerarlo il miglior posto in cui vivere, molte persone se ne innamorano a prima vista, lo visitano per due settimane e poi decidono di restarci per anni (anche se in pochi si trasferiscono definitivamente): ?A volte si ha l’impressione che le persone qui cerchino di fuggire da qualcosa; che sia solo un rifugio. Questa non è la vita vera?.

Dominika Gesicka è nata a W?oc?awek, in Polonia, nel 1981, e ha studiato fotografia all’Institute of Creative Photography di Opava, in Repubblica Ceca. Il suo lavoro è stato recentemente esposto a Roma, tra quelli dei fotografi emergenti selezionati dal festival Emerging Talents.

Mostra commenti ( )
?